Perisic torna a far volare l’Inter, ma le altre non mollano

Prima giornata di ritorno, l’Inter va sotto con il Chievo, tenuto in piedi da un grande Sorrentino, e poi vince in rimonta. Già, come settimana scorsa. Le vittorie in rimonta stanno tornando a essere il nostro marchio di fabbrica, dopo essere sparite durante la gestione Mazzarri e Mancini bis, e questo ci fa solo piacere. L’Inter torna squadra caparbia, che non molla mai, e dà sempre l’impressione di poter vincere. Ci sono anche tante buone impressioni dai singoli: Perisic è tornato la devastante ala decisiva che ricordavamo, Icardi non sbaglia un colpo, Gagliardini ha grinta da vendere e Kondogbia dà la sensazione di essere ancora recuperabile.

In particolare Gagliardini e Kondogbia hanno formato una linea mediana davvero formidabile. La preoccupazione del centrocampo scoperto può ora dirsi svanita, tra l’arrivo del giovane italiano, il buon tentativo di rivalutazione del francese, e la presenza dei soliti Brozovic, Joao Mario e Banega (quest’ultimo purtroppo discontinuo, e ancora non ben adattato), e forse la difesa merita qualche puntellatura. Non dimentichiamo Medel, che Pioli inquadra appunto come difensore, ma Murillo, Ranocchia e il buon Andreolli, non sono i compagni di viaggio che Miranda vorrebbe con sè. Escludendo la tanta scelta sulle ali, in attacco le alternative mancano, ma sarà difficile portare un vice-Icardi a gennaio.

La quinta vittoria di fila non porta reali guadagni in classifica, dato che le rivali per il terzo posto hanno tutte vinto (in attesa stasera del Milan). La Juventus si ferma a Firenze, e questo effettivamente accorcia la parte alta, visto che i bianconeri (con una partita ancora da recuperare) hanno 9 punti di vantaggio rispetto ai nerazzurri. I prossimi impegni di campionato sono tutto sommato semplici, Palermo in trasferta e Pescara in casa, e potrebbero consentirci di andare ad affrontare la Juventus (5 febbraio) con relativa tranquillità. Il percorso per il terzo posto è lungo e difficile, con Roma e Napoli che sembrano avere qualcosa più di noi, e Lazio e Milan pronte ad inserirsi per complicare le cose. Noi ci siamo, non solo per le vittorie consecutive ma per la crescente consapevolezza che proviene dall’ambiente.

Domani l’Inter affronterà in Coppa Italia il Bologna, e Gabigol potrebbe fare il suo esordio dal primo minuto. La Coppa Italia è un trofeo assolutamente da non snobbare.

Mikhail

Mikhail

Amante del cinema, cintura nera di interismo da sempre, fonda Progetto Inter come angolo di sfogo, insieme al fratello Alessandro. Sognatore e innamorato dei calciatori più o meno falliti, spera che Suning e Spalletti riescano a raddrizzare la baracca. E magari sarebbe bello vedere Ausilio fuori dalle scatole.
Mikhail

Latest posts by Mikhail (see all)

About the Author

Mikhail
Amante del cinema, cintura nera di interismo da sempre, fonda Progetto Inter come angolo di sfogo, insieme al fratello Alessandro. Sognatore e innamorato dei calciatori più o meno falliti, spera che Suning e Spalletti riescano a raddrizzare la baracca. E magari sarebbe bello vedere Ausilio fuori dalle scatole.

Be the first to comment on "Perisic torna a far volare l’Inter, ma le altre non mollano"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*