Pagelle Rapid Vienna-Inter 0-1: Lautaro su rigore decide una brutta partita

Handanovic 6,5: Involontario co-protagonista delle vicende settimanali, si ritrova capitano in una delle serate più noiose degli ultimi anni. Un solo intervento per lui, dove con l’ausilio di un ottimo riflesso salva il risultato.

Asamoah 6:Partita onesta senza alti e bassi.

Miranda 6,5: Se la cava egregiamente e nel gioco aereo dimostra di saper ancora dire la sua.

De Vrij 6,5: Buona prestazione difensiva, quando vede i suoi che non riescono ad alzare il baricentro, ci pensa lui stesso a prendersi dei rischi ed avanzare palla al piede.

Cedric 5,5: Parecchi errori in fase di impostazione.

Borja Valero 6: Compensa la lentezza con l’intelligenza tattica. Si vede che non giocava da un po’ ed è lontano dalla forma migliore.

Vecino 5: È da un bel pezzo che non lo si vede far la differenza in mezzo al campo. Ha l’occasione del raddoppio nella ripresa, ma la divora tirando alto di testa.

Perisic 6: Alterna buone giocate a errori di misura grossolani. Lecito aspettarsi ben altra incisività visto il livello dell’avversario.

Nainggolan 5,5:
Primo tempo sufficiente, ripresa in visibile calo, dove riesce a sbagliare un’occasione più che buona fornitagli da Perisic. (All’82’ D’Ambrosio SV)

Politano 5:
Cade in più occasioni, non salta mai l’uomo e indovina raramente la giocata. (Dal 78′ Candreva 5,5: Entra, sbaglia un po’ di cose e si fa ammonire.)

Martinez 6,5:
Partenza in salita dove sembra intimorito, ma poi quando ha l’occasione realizza su rigore. Da lì la partita è un crescendo, prende sempre più coraggio e sfiora anche la doppietta.

Spalletti 6:
Ok la lista corta, ok gli assenti, ma visto il livello degli avversari, non si fa un torto a nessuno a pretendere qualcosa in più sul campo. Oggi il risultato va bene, ma non c’è molto altro di positivo.

Alessandro

About the Author

Alessandro
L'esistenza del calcio è di per sé un male, l'esistenza dell'Inter rende questo male sopportabile. Portiere a tempo perso, devoto a Gianluca Pagliuca e Julio Cesar, interista da prima di imparare a leggere. Trascorro intere notti a domandarmi come l'Inter abbia potuto spendere dei soldi per Ricky Alvarez.