Pagelle Inter-PSV 1-1: Icardi non basta, nerazzurri eliminati

Handanovic 6,5: Niente da fare per la rete del vantaggio degli ospiti, bravo a non perdere la concentrazione e ad evitare il raddoppio pochi secondi dopo. 

D’Ambrosio 6: Ci prova, spinge e si fa vedere dando una mano in attacco, malgrado quantità e qualità non sempre riescano a conciliarsi.

Skriniar 6,5: Poco lavoro, ma si fa apprezzare. 

De Vrij 6,5: Come Skriniar, non una serata particolarmente impegnativa, ma il suo lo fa.

Asamoah 4: Disastroso e imbarazzante. Pallone perso da calcio amatoriale che costa il gol avversario. Dopodiché, altro pallone perso a distanza di pochi secondi ma stavolta viene graziato dall’uscita di Handanovic. Senza contare l’enorme numero di passaggi sbagliati. (Dal 69 Martinez 5,5: Ha l’occasione per la vittoria nel finale, ma alza troppo la palla. Peccato. Non è certo il responsabile per stasera.)

Brozovic 6: Al solito gli tocca smistare un numero di palloni enorme, quindi qualche errore giocoforza c’è. Stavolta più del solito. Impreciso quando si tratta di calciare, lucido in altre circostanze.

Valero 6: Fa quanto può che, vista la carta d’identità, non è molto.

Candreva 6: Partita senza infamia e senza lode, si preoccupa di sbagliare il meno possibile, ma incide meno di quanto si avrebbe bisogno. (Dal 56′ Keita 6: Si procura un bel po’ di falli e cerca di creare scompiglio nella linea avversaria.)

Perisic 5:La prima palla gol è sua, ma il colpo di testa viene deviato dal portiere. Per il resto la sua partita va peggiorando. In campo si aggira qualcuno che ha le sue sembianze, ma del giocatore visto mesi fa non v’è traccia. Crossa da qualsiasi parte si trovi, non accelera e non crea superiorità.

Politano 7: Come contro la Juve, tra i più positivi in attacco, molto bello l’assist per Icardi dalla lunga distanza, poco dopo la sua partita finisce. (Dall’83 Vrsaljko SV)

Icardi 7: Ci crede più di molti ed è l’ultimo a gettare la spugna, bello lo stacco di testa con cui trova il pareggio. Purtroppo non basta.

Spalletti 5: Va bene tutto, l’essere in quarta fascia, aver perso nel girone contro due squadre più forti, e averci provato stasera, ma oggi non si poteva accettare un risultato diverso dalla vittoria. Il cambio Politano per Vrslaljko lascia basiti buona parte degli spettatori, e dà anche torto al tecnico visto che di fatto la pericolosità dell’Inter va via via diminuendo da allora. Peccato essere usciti così, alla fine il destino era nelle nostre mani, ma non siamo stati all’altezza. 

Alessandro

L'esistenza del calcio è di per sé un male, l'esistenza dell'Inter rende questo male sopportabile. Portiere a tempo perso, devoto a Gianluca Pagliuca e Julio Cesar, interista da prima di imparare a leggere. Trascorro intere notti a domandarmi come l'Inter abbia potuto spendere dei soldi per Ricky Alvarez.
Alessandro

About the Author

Alessandro
L'esistenza del calcio è di per sé un male, l'esistenza dell'Inter rende questo male sopportabile. Portiere a tempo perso, devoto a Gianluca Pagliuca e Julio Cesar, interista da prima di imparare a leggere. Trascorro intere notti a domandarmi come l'Inter abbia potuto spendere dei soldi per Ricky Alvarez.