Pagelle Inter-Barcellona 1-2: ai nerazzurri rimangono i rimpianti

L’Inter esce di scena ai gironi dopo una prestazione comunque generosa, ecco le nostre pagelle:

Handanovic 5,5: Subisce due gol in cui non gli si può muovere molto, è attento nelle altre occasioni.

Godin 5,5: L’errore di valutazione nel primo gol ne condiziona il giudizio, dato che il secondo tempo non è stato negativo.

De Vrij 6: Partita sottotono rispetto alle altre precedenti.

Skriniar 6,5: Il migliore del trio difensivo.

D’Ambrosio 6: Davanti alla porta ha qualcosa da farsi perdonare nel primo tempo, compensa con la generosità. (Dal 75′ Politano 5: È una bella notizia aver recuperato qualcuno, è una notizia un po’ meno bella che ci si intestardisca con dribbling e con futili giocate individuali che danno solo la possibilità agli spagnoli di non correre rischi in difesa.)

Brozovic 5,5: Parte bene ma nel secondo tempo si spegne con l’incidere della gara e perde lucidità in un paio di occasioni.

Vecino 5: Si nota poco e quelle poche volte non è per qualcosa di positivo.

Valero 5,5: Dà il massimo, tra gli interni di centrocampo è anche quello che se la cava meglio, al netto di tutto, ma per una serie di ragioni è un’arma spuntata. (Dal 77′ Esposito SV)

Biraghi 5,5: Impegno sì, sostanza poca. Cerca di aiutare la squadra in entrambe le fasi, ma il suo apporto è confusionario. (Dal 69 Lazaro 5: Se chi esce non ha impressionato, chi entra fa di certo peggio. Ingresso intimorito e per nulla d’aiuto alla manovra.)

Lautaro Martinez 7,5: Enorme, oggi in particolare dato l’assenza di altri attorno a lui in grado di contendergli la scena. È un costante pericolo per la retroguardia blaugrana per tutti i 90′.

Lukaku 5,5: Trova il gol grazie anche all’aiuto di una deviazione, ma ha altre occasioni che gli capitano nel secondo tempo che avrebbe dovuto capitalizzare e che di fatto condannano la squadra. Si perde in undici e si vince alla stessa maniera, ma alla fine quegli errori hanno inciso.

Conte 6,5: Girone iniziato in salita con il pareggio interno contro i cechi dello Slavia e culminato con una sconfitta interna. Date le assenze e il livello degli avversari, vanno riconosciute le attenuanti alla squadra che come l’anno scorso è andata vicinissimo alla qualificazione agli ottavi, senza tuttavia arrivarci.

Alessandro

About the Author

Alessandro
L'esistenza del calcio è di per sé un male, l'esistenza dell'Inter rende questo male sopportabile. Portiere a tempo perso, devoto a Gianluca Pagliuca e Julio Cesar, interista da prima di imparare a leggere. Trascorro intere notti a domandarmi come l'Inter abbia potuto spendere dei soldi per Ricky Alvarez.