Pagelle Fiorentina-Inter, difesa horror, squadra indifendibile

Partita che sfugge ad ogni interpretazione tattica e logica, nerazzurri in vantaggio per 2 a 1 a fine primo tempo dopo una prova più che discreta. Alla ripresa si assiste al consueto cambio di personalità collettivo al quale siamo abituati, difesa sommersa dalla Fiorentina, e gol che arrivano a grappoli, i padroni di casa si addormentano dopo il 5 a 2 in loro favore e subiscono altri due gol, ci sarebbe un calcio d’angolo per i nerazzurri a recupero scaduto per la verità, ma quelli li tira un’altra squadra a Milano.

Handanovic 5: Evita l’autorete di Miranda, para un rigore calciato male da Bernardeschi, e poi viene travolto a suon di gol dall’attacco avversario. Non tutti imparabili, ma non è di certo il primo responsabile stasera.

D’Ambrosio 5: Viene sanzionato il suo intervento in area ai danni di Babacar, ma il fallo concesso dall’arbitro è a dir poco generoso.

Medel 4,5: Non un bel momento per il cileno, Pioli forse farebbe bene a dargli il cambio, ma sembra ormai chiaro che il tecnico non si fidi molto di Murillo, né che quest’ultimo abbia fatto molto per meritarsi la fiducia.

Miranda 4,5: Appena si abbassa un po’ il suo rendimento, la difesa crolla come un castello di carte.

Nagatomo 4,5: Ansaldi è infortunato, Santon è Santon, non rimane che lui. Grazie mille mercato estivo. (Dal 73′ Eder SV: Entra a situazione già compromessa.)

Gagliardini 4,5: Da dopo l’infortunio non è più tornato sui suoi livelli.

Kondogbia 5: In sé neanche troppo male, ma finisce travolto anche lui dalla passività colletiva. (Dal 76′ Brozovic SV: Vedi Eder)

Candreva 5,5: Buon primo tempo, ottima l’azione che dà il via al primo gol nerazzurro, poi nella ripresa è come se fosse sparito dal campo.

Joao Mario 6: Uno dei pochi ad avere le idee chiare stasera, e vista come è andata è moltissimo.

Perisic 6,5: Probabilmente il migliore tra i nerazzurri nella prima frazione, nel secondo tempo ha poche occasioni per poter incidere.

Icardi 7,5: Praticamente stasera non ha sbagliato un colpo, tre gol di cui almeno uno dalla notevole difficoltà. Abbiamo perso comunque? Non certo a causa sua.

Pioli 4,5: Ci risiamo, finale di campionato con le ruote sgonfie, squadra demotivata, stagione archiviata già ad Aprile (se non prima), e non resta che augurarci che questa agonia finisca il prima possibile. Pioli non è l’unico responsabile, ma ci sta mettendo del suo? Sappiamo anche questo, quello che non sappiamo però è chi potrebbe farci uscire da questa situazione che dura ormai da troppi anni e se il solo cambio della panchina sia sufficiente a invertire la rotta.

Alessandro

Alessandro

L'esistenza del calcio è di per sé un male, l'esistenza dell'Inter rende questo male sopportabile. Portiere a tempo perso, devoto a Gianluca Pagliuca e Julio Cesar, interista da prima di imparare a leggere. Trascorro intere notti a domandarmi come l'Inter abbia potuto spendere dei soldi per Ricky Alvarez.
Alessandro

About the Author

Alessandro
L'esistenza del calcio è di per sé un male, l'esistenza dell'Inter rende questo male sopportabile. Portiere a tempo perso, devoto a Gianluca Pagliuca e Julio Cesar, interista da prima di imparare a leggere. Trascorro intere notti a domandarmi come l'Inter abbia potuto spendere dei soldi per Ricky Alvarez.