Pagelle Fiorentina-Inter 1-1: Valero segna ma non basta

La rete dell’ex viola non basta, i padroni di casa raggiungono l’Inter in pieno recupero. Ecco le nostre pagelle:

Handanovic 5,5: Due buoni interventi, ma nel finale si lascia sorprendere dal tiro Vlahovic.

Skriniar 5,5: Fino al 90′ partita sufficiente, poi lascia la possibilità a Vlahovic di concludere leggendo male la situazione.

De Vrij 6,5: Regge bene i duelli aerei e i viola non sfondano per vie centrali.

Bastoni 6,5: L’ammonizione generosa che riceve nel primo tempo non ne intacca la tranquillità con cui gioca fino all’ultimo. (Dall’88’ Godin SV)

Biraghi 5,5: Spinge poco e male, si preoccupa per lo più di difendere, al meglio delle sue possibilità.

Brozovic 6,5: Più ispirato delle ultime volte, riesce anche a dare un contributo più che valido all’attacco, servendo Borja Valero in occasione della rete nerazzurra. Era diffidato, l’ammonizione gli farà saltare il Genoa.

Borja Valero 7: La sua migliore partita delle ultime stagioni, non solo per il gol. Dispensa giocate che aiutano il centrocampo a salire e riesce anche a dare una mano alla difesa. (Dall’84 Agoume SV)

Vecino 5: Non ci siamo, si fa fatica ad accorgersi che sia in campo, non dà alcun apporto tattico né ad una fase né all’altra.

D’Ambrosio 5,5: Si nota poca in fase di spinta, un po’ in affanno anche nel difendere.

Lautaro Martinez 6: Nervoso ma se non altro tra i pochi ad avere le idee chiare là davanti. Anche lui per l’ammonizione incassata da diffidato, salterà la prossima partita. (Dall’84’ Politano 5,5: Pochi minuti in cui riesce lo stesso a farsi notare per il suo modo di giocare nocivo, dove riesce a perdere più palloni di quanti ne giochi.)

Lukaku 5: Continua il suo momento poco brillante a tu per tu col portiere. In aggiunta a questo, oggi lo si nota meno del solito nel dialogo con i suoi, un passo indietro anche rispetto alle ultime apparizioni.

Conte 6,5: Inutile muovergli critiche per ora, classifica e media punti alla mano rapportati all’infermeria e alle scelte in panchina, dicono che si sta andando a un ritmo miracoloso. Niente di più, niente di meno.

Alessandro

L'esistenza del calcio è di per sé un male, l'esistenza dell'Inter rende questo male sopportabile. Portiere a tempo perso, devoto a Gianluca Pagliuca e Julio Cesar, interista da prima di imparare a leggere. Trascorro intere notti a domandarmi come l'Inter abbia potuto spendere dei soldi per Ricky Alvarez.
Alessandro

About the Author

Alessandro
L'esistenza del calcio è di per sé un male, l'esistenza dell'Inter rende questo male sopportabile. Portiere a tempo perso, devoto a Gianluca Pagliuca e Julio Cesar, interista da prima di imparare a leggere. Trascorro intere notti a domandarmi come l'Inter abbia potuto spendere dei soldi per Ricky Alvarez.