Pagelle Cagliari-Inter 1-3: altra doppietta di Icardi

L’Inter torna al comando della classifica, aspettando i verdetti dagli altri campi domani. I nerazzurri escono vincitori da Cagliari, dopo un primo tempo opaco che li vede comunque in vantaggio grazie al gol del solito Icardi. Al raddoppio del subentrato Brozovic, risponde Pavoletti, ma è il solito Icardi a chiudere la questione siglando un’altra doppietta, proprio come domenica scorsa.

Handanovic 7: Provvidenziale nel primo tempo, sempre attento nella ripresa, incolpevole sull’unico gol sardo.

Santon 6,5: Spalletti insiste sul non più giovanissimo prodotto del vivaio nerazzurro, il terzino ripaga la fiducia giocando una valida partita.

Miranda 6,5: L’ammonizione che riceva lascia più di qualche perplessità, in quanto diffidato salterà la prossima partita con il Chievo.

Skriniar 6,5: Disattento sul gol dei padroni di casa, ma è l’unico suo errore degno di nota. Ha il merito di innescare l’azione del momentaneo 0-2.

D’Ambrosio 6,5: Meglio nella ripresa che nel primo tempo, dove perde meno palloni.

Vecino 5,5: Un passo indietro rispetto alle ultime apparizioni, sostituito per un guaio fisico.

Gagliardini 5,5: Un po’ troppo lento e macchinoso, si fa ammonire per un fallo ingenuo in attacco. Anche lui, come Miranda, salterà la prossima partita. (Dal 53′ Brozovic 6,5: Ottimo impatto, segna neanche dopo due minuti il suo ingresso.)

Borja Valero 6: Con l’abbassarsi dei ritmi della gara, aumenta il livello della sua prestazione.

Candreva 7,5: Non va a segno, ma è il migliore in campo. Partecipa a tutti i gol, e dà l’occasione anche a Perisic di entrare nei marcatori. (Dall’86’ Joao Cancelo SV)

Perisic 6: Non la sua serata migliore, realizza l’assist del primo gol di Icardi in modo quasi fortuito, e si divora un’occasione più che invitante fornitagli da Candreva.

Icardi 7,5: Sempre letale in area, ma non è una notizia. La rete del definitivo 3 a 1, è più difficile di quanto non sembri. (Dal 94′ Eder SV)

Spalletti 6,5: La squadra ha fatto fatica nella prima metà di gara, ma la formazione scelta dal mister ha comunque dato i risultati sperati, come l’ingresso di Brozovic seppur dettato dalle necessità di un infortunio, è stato azzeccato. Ad oggi si possono fare solo i complimenti al mister.

 

Alessandro

L'esistenza del calcio è di per sé un male, l'esistenza dell'Inter rende questo male sopportabile. Portiere a tempo perso, devoto a Gianluca Pagliuca e Julio Cesar, interista da prima di imparare a leggere. Trascorro intere notti a domandarmi come l'Inter abbia potuto spendere dei soldi per Ricky Alvarez.
Alessandro

About the Author

Alessandro
L'esistenza del calcio è di per sé un male, l'esistenza dell'Inter rende questo male sopportabile. Portiere a tempo perso, devoto a Gianluca Pagliuca e Julio Cesar, interista da prima di imparare a leggere. Trascorro intere notti a domandarmi come l'Inter abbia potuto spendere dei soldi per Ricky Alvarez.