Pagelle Cagliari-Inter 2-1: è notte fonda per i nerazzurri

Handanovic 5: Incolpevole sulla prima rete, insicuro in qualche respinta difettosa centrale, per nulla reattivo sulla rete che decide l’incontro nel primo tempo.

Asamoah 4,5: Dalle sue parti i sardi si trovano a loro agio, lui in area perde parecchie volte l’uomo e sbaglia più della metà dei palloni che transitano dai suoi piedi. (Dall’83’ Candreva 5,5: Un cross, neanche troppo brutto, e una punizione, questa sì, bruttissima.)

Skriniar 5: Stavolta non funziona granché la coppia centrale, e quando viene meno una delle poche certezze stagionali, vuol dire che non sarà una bella serata. Ingenuo nel finale dove causa un rigore per il Cagliari con un vistoso fallo con l’attaccante spalle alla porta. Ma il punteggio non si aggrava ulteriormente.

De Vrij 5,5: L’Inter va in difficoltà anche nel gioco aereo che è uno dei suoi terreni di battaglia preferiti, lui è comunque tra i più lucidi della linea arretrata.

D’Ambrosio 5: Se si soffre al centro, sulle fasce è ancora peggio, meglio del suo collega di reparto ghanese, inoltre cerca di dare una mano in spinta, con risultati altalenanti.

Brozovic 5,5: Poco incisivo e nervoso. Si fa ammonire al termine di una partita opaca. (Dall’87’ Ranocchia SV)

Vecino 5: Fa fatica a farsi notare sia negli inserimenti che nella fase di transizione. Salterà il prossimo impegno per un’ammonizione rimediata. (Dal 68′ Valero 5,5: Entra per tenere palla e cercare di far sprecare meno palloni al centrocampo. Ma, sempre a proposito di sprechi, divora una palla gol enorme davanti al portiere, tirando alto.)

Perisic 5: Parte benino, poi si spegne a partita in corso.

Nainggolan 6,5: Non perde la lucidità per tutta la gara ed è tra i più propositivi in avanti. Bello l’assit per il momentaneo pareggio di Martinez e molte altre giocate si sono rivelate utili per l’attacco. Servirebbe più spesso questa sua versione.

Politano 4,5: Irritante, impreciso e testardo. Non ne indovina una e spara centrale davanti al portiere in un’occasione in cui avrebbe potuto fare molto meglio.

Lautaro Martinez 6,5: Da riserva di Icardi a uomo da mettere nella mischia nei minuti finali, per diventare titolare inamovibile. Lo è diventato per necessità di rosa, ma lui intanto fa il suo. Che non è poco. Bel gol da opportunista e sfortunato in un altro paio di occasioni in cui avrebbe meritato il raddoppio, sbaglia alle volte la giocata ma va aspettato. Il problema è che la situazione non è una di quelle che permette di avere troppa calma.

Spalletti 5: Stasera si è vista un’Inter poco lucida e ancor meno solida. Le scelte tecniche sono dettate dalle situazioni attuali, quindi ci si ritrova senza attaccanti della prima squadra da far giocare nel secondo tempo. Forse arrivati a questo punto della disperazione nelle alternative sul fronte offensivo, sarebbe stato meglio far giocare uno dei primavera in panchina, anziché un difensore centrale. Fatto sta, sconfitta gravissima per la classifica e adesso i nerazzurri hanno compromesso una classifica che fino a un mese fa era molto diversa.

Alessandro

Alessandro

L'esistenza del calcio è di per sé un male, l'esistenza dell'Inter rende questo male sopportabile. Portiere a tempo perso, devoto a Gianluca Pagliuca e Julio Cesar, interista da prima di imparare a leggere. Trascorro intere notti a domandarmi come l'Inter abbia potuto spendere dei soldi per Ricky Alvarez.
Alessandro

About the Author

Alessandro
L'esistenza del calcio è di per sé un male, l'esistenza dell'Inter rende questo male sopportabile. Portiere a tempo perso, devoto a Gianluca Pagliuca e Julio Cesar, interista da prima di imparare a leggere. Trascorro intere notti a domandarmi come l'Inter abbia potuto spendere dei soldi per Ricky Alvarez.