Pagelle Bologna-Inter 1-2: Lukaku trascinatore!

Le pagelle di Bologna – Inter, terminata 1-2 grazie alla doppietta di Lukaku!

Handanovic 6: Non può nulla sul gol, che è anche l’unica vera occasione dei rossoblu. Per il resto ordinaria amministrazione.

Bastoni 6,5: Buona prova per il giovane difensore, che cresce anche dal punto di vista dell’impostazione del gioco.

De Vrij 7: Non basta la deviazione sul gol per per pregiudicare la sua prestazione. Un muro insuperabile.

Skriniar 6: Fa fatica a fare l’esterno della difesa a tre, e lo sappiamo già, e oggi ha trovato di fronte avversari rapidi che lo hanno costretto molte volte al fallo.

Brozovic 6: Poca brillantezza, dovuta anche al fatto che gioca ogni partita, senza rifiatare mai. Qualche errore di troppo, ma niente di troppo grave.

Gagliardini 5: Lento e macchinoso, specialmente quando l’Inter va sotto. Quando la squadra è costretta ad aumentare la velocità delle giocate la sua prestazione cala vistosamente. (dal 72′ Vecino 5,5: Va vicino al gol di testa, e randella come può.)

Barella 7: Non molla mai nessun pallone, anche quando lo perde lotta e spesso lo riconquista. Non finisce mai di correre, impossibile immaginarlo fuori da questa squadra.

Lazaro 6,5: Senza timore di essere smentito, posso dire che oggi Lazaro è stato tra i migliori. L’esordio dal primo minuto ha dimostrato che il ragazzo ha delle qualità. Crea occasioni, attacca la profondità e crossa piuttosto bene. Ci sarebbe anche un sospetto rigore ai suoi danni, ma l’arbitro non è d’accordo. (dal 86′ Politano SV)

Biraghi 6: Un po’ in affanno nel secondo tempo, anche se gioca una partita nel complesso sufficiente. (dal 75′ Candreva 6: Gioca poco e sulla fascia non sua, ma il suo ingresso trasmette lo stesso fiducia alla squadra)

Lautaro Martinez 7: Sfiora il gol nel primo tempo, pressa costantemente altissimo ed è una spina nel fianco dei bolognesi. Si procura anche il rigore della vittoria, con grande furbizia.

Lukaku 7,5: Va vicino al gol nel primo tempo, con un’azione simile a quella del gol di Brescia. Nella ripresa cicca un pallone prezioso da ottima posizione, subito dopo il gol del Bologna. Eppure si fa trovare pronto alla ribattuta per il pareggio, e ha la freddezza necessaria per segnare il rigore nel recupero. Protegge benissimo il pallone e fa ripartire la squadra molto bene, anche se commette qualche errore abbastanza grave (contropiede sciupato sull’1-1), ma riesce sempre a farsi perdonare.

Conte 6,5: L’Inter non perde la testa quando va immeritatamente in svantaggio, e grazie all’abnegazione e alla fortuna completa la rimonta. I cambi dimostrano che la panchina è corta, o che comunque Conte si fida poco di chi ha a disposizione. Sensi non è entrato, il che vuol dire che ancora non è pronto. Un’altra vittoria che è l’ennesima iniezione di fiducia.

Mikhail

Amante del cinema, cintura nera di interismo da sempre, fonda Progetto Inter come angolo di sfogo, insieme al fratello Alessandro. Sognatore e innamorato dei calciatori più o meno falliti, spera che Suning e Spalletti riescano a raddrizzare la baracca. E magari sarebbe bello vedere Ausilio fuori dalle scatole.
Mikhail

About the Author

Mikhail
Amante del cinema, cintura nera di interismo da sempre, fonda Progetto Inter come angolo di sfogo, insieme al fratello Alessandro. Sognatore e innamorato dei calciatori più o meno falliti, spera che Suning e Spalletti riescano a raddrizzare la baracca. E magari sarebbe bello vedere Ausilio fuori dalle scatole.