Le pagelle Inter-Udinese: doppietta di Jovetic, primo sigillo di Eder

Vittoria in rimonta per i nerazzurri, che dopo essere stati in svantaggio nei primi minuti, riescono a ribaltare le sorti del match vincendo 3 a 1.

Handanovic 6,5: Nulla di davvero impegnativo, fino alla parata ravvicinata in uscita che evita il pareggio avversario in pieno recupero.

Juan Jesus 5,5: In fase di spinta è inadatto, in difesa cerca di fare meno danni, ma non è che ci riesca fino in fondo.  (Dal 64′ Perisic 6,5: Il suo ingresso permette all’Inter di cambiare marcia. Ormai è diventato imprescindibile.)

Murillo 5,5: Principale responsabile della rete friulana, non è un gran periodo di forma.

Miranda 6: Di certo più affidabile del suo compagno di reparto.

Nagatomo 6: Corre per quattro, poco lucido quando si tratta di crossare, ma è comunque una prova positiva la sua.

Melo 5,5: Va in difficoltà ogni volta che gioca il pallone, anche se non c’è un avversario nel raggio di cinque di metri.

Kondogbia 6: Gradito ritorno il suo per il centrocampo, gioca un numero considerevole di palloni, e anche se sbaglia molto la sua presenza si rivela utile.

Brozovic 6,5: La sua prestazione è un crescendo, nella seconda frazione è tra i più propositivi, va vicinissimo il gol negatogli da un ottimo riflesso di Karnezis.

Biabiany 6,5: A volte si perde nelle situazioni più semplici, restando fermo come se non sapesse cosa fare per concludere l’azione, eppure c’è tanto merito suo nella rimonta nerazzurra di stasera. Lo scatto compiuto per recuperare una palla su cui nessuno si sarebbe avventato, e che è valsa il 2 a 1, è fantascienza. (Dall’85’ D’ambrosio SV)

Jovetic 6,5: Doppietta per lui, un gradito ritorno al gol. Poco lucido in certe situazioni, ma si fa trovare pronto al posto giusto e al momento giusto.

Icardi 7: Il migliore in campo, e non solo per l’ottimo assist dell’1 a 1, è costantemente l’uomo più pericoloso in attacco. (Dal 79′ Eder 6,5: Entra e segna, per oggi non ci si può lamentare.)

Mancini 6: La formazione è stata un po’ azzardata, sia per l’esclusione di Perisic, che per la presenza di Juan Jesus sulla fascia, ma l’Inter dimostra di esserci col carattere e di saper rovesciare lo svantaggio. Una volta tanto non aspetta il 70′ inoltrato per fare il primo cambio.

Alessandro

L'esistenza del calcio è di per sé un male, l'esistenza dell'Inter rende questo male sopportabile. Portiere a tempo perso, devoto a Gianluca Pagliuca e Julio Cesar, interista da prima di imparare a leggere. Trascorro intere notti a domandarmi come l'Inter abbia potuto spendere dei soldi per Ricky Alvarez.
Alessandro

About the Author

Alessandro
L'esistenza del calcio è di per sé un male, l'esistenza dell'Inter rende questo male sopportabile. Portiere a tempo perso, devoto a Gianluca Pagliuca e Julio Cesar, interista da prima di imparare a leggere. Trascorro intere notti a domandarmi come l'Inter abbia potuto spendere dei soldi per Ricky Alvarez.

Be the first to comment on "Le pagelle Inter-Udinese: doppietta di Jovetic, primo sigillo di Eder"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*