Lazaro può diventare importante per l’Inter

Lazaro è arrivato all’Inter da semisconosciuto, e forse proprio per questo si parlava molto di lui. Qualcuno era fin troppo ottimista, come me (in realtà eravamo pochini) e il mio articolo di presentazione. Ma la maggior parte dubbiosa, e scottata dalle ultime tragiche comparse sulla corsia di destra. E come dar torto alla maggioranza? Dopo una manciata di mesi infatti eravamo più o meno tutti d’accordo nel bocciarlo. Il nuovo Dalbert, il nuovo bidone dell’Inter su cui scherzare facile. Anche io avevo smesso di sperarci dopo il terribile ingresso in campo contro il Sassuolo.

Eppure, dopo il periodo di oblio, Lazaro ha avuto delle nuove chance e le ha sfruttate benissimo, tanto che ora è uno dei giocatori dell’Inter che sembrano godere di maggiore appoggio dei tifosi. Quindi meno di 180 minuti giocati possono stravolgere precedenti mesi di pregiudizi e feroci critiche? Almeno in parte direi di . E mi sento di azzardare qualcosa.

Tutti sanno che non sono un grande fan di Candreva, ma in questa stagione è evidente il suo grande impegno e la sua costanza. Anche la sua abnegazione e la stima verso Conte, ricambiata in modo evidente, hanno sicuramente aiutato la sua rinascita. Ma secondo me, alla lunga distanza, non sarà sufficiente. I primi mesi sono andati abbastanza bene, anche grazie all’alternanza con D’Ambrosio, ma adesso si iniziano a vedere i primi affanni. In particolare il secondo tempo in Germania contro il Borussia Dortmund, ha evidenziato qualche calo di rendimento (anche di concentrazione).

Candreva non è l’unico giocatore ad aver avuto un calo di prestazione dovuto al tanto impiego: Brozovic è il giocatore che più sta soffrendo gli infortuni e la rosa corta. Ma se per Brozovic non ci sono alternative (ed infatti il suo minutaggio è estremamente più alto di quello dello stesso Candreva), per l’esterno italiano le cose sono diverse. Se, come si dice, D’Ambrosio sarà addestrato a fare il centrale difensivo, è probabile che Candreva e Lazaro saranno gli unici a giocarsi la maglia da titolare della fascia destra.

Vorrei fare notare un dettaglio. Quando Candreva è subentrato dalla panchina, contro Bologna e Verona, e Lazaro era ancora in campo, Candreva ha giocato sulla fascia sinistra. Per la verità, viste le difficoltà a giocare nella fascia non sua, Conte ha spostato Lazaro a sinistra per permettere a Candreva di giocare a destra.

Questo mi fa pensare che quando Lazaro si sarà ambientato, possa diventare il titolare. Ha molta gamba e tecnica, come dimostrato nell’ottimo assist per Vecino, e ha anche con sé la freschezza della giovane età (23 anni). Quindi il suo lento ingresso all’Inter è stato colpa dell’infortunio ad inizio preparazione, e la complicata digestione del calcio italiano, e a me sembra una spiegazione plausibile. Non è detto che Lazaro diventi titolare inamobile della prossima settimana, ma visti i miglioramenti evidenti nella fase difensiva, penso che possa diventare un punto di riferimento per il prossimo futuro.

Mikhail

About the Author

Mikhail
Amante del cinema, cintura nera di interismo da sempre, fonda Progetto Inter come angolo di sfogo, insieme al fratello Alessandro. Sognatore e innamorato dei calciatori più o meno falliti, spera che Suning e Spalletti riescano a raddrizzare la baracca. E magari sarebbe bello vedere Ausilio fuori dalle scatole.