Inter- A riveder le stelle: Una buona estate propizia una grande stagione

Qui Inter: un mercato degno di nota, accende l’entusiasmo per la nuova stagione!

L’Inter ha sempre un suo perché, un fascino blasonato, tanta magia. Parliamo dell’Inter, non una squadra di nicchia. Un team, ed una tifoseria, abituati a trattative pesanti, acquisti illustri ed importanti.

Le estati di Massimo Moratti, alzandosi alla ricerca di un tabacchino per comprare il quotidiano e leggere il campione in voga da portare a Milano. Non ci si accontentava mai!

È finita l’estate nerazzurra, quella dei botti di mercato. Ci siamo ingrigiti e indebitati. Abbiamo cambiato tanto. Troppo! E, forse, ci siamo accontentati!

Fino a ieri quel triplete sembrava più lontano di quanto non lo fosse in realtà. Oggi il moto calcistico italiano (e non solo) torna a fare epicentro su Milano: Keita Balde approda come ultimo acquisto, quasi sotto traccia.

Pochi ne parlano, pochi si entusiasmano.
Un centinaio di tifosi lo accolgono in festa, sotto la sede dell’Inter e Keita sfoggia il migliore dei sorrisi. Sembra un bimbo al luna park, non trattiene la gioia.

Qualcuno annunciava già che l’Inter avesse chiuso il mercato; in effetti non si è registrato alcun piano B al mancato arrivo di Modric, sogno di molti, moltissimi di noi tifosi.

Ma il mercato dell’Inter resta comunque un mercato d’eccellenza. Un mercato mirato a compensare le lacune più grossolane che il team si tirava dietro dalla scorsa stagione.

Perché dunque le testate non scrivono titoloni cubitali? Non c’è gioia per la disfatta su Vidal? Troppa delusione perché non è arrivato Modric?

Qualcuno scrive che ci accontentiamo, ma io non ci sto!

La gilda della Prostituzione Intellettuale, sempre pronta a criticare e a mettere alla forca Ausilio o chi per lui, non possono non ammettere che questa estate è un’estate degna di Moratti.

Ci siamo destati.

Sono arrivati colpi sensati, tasselli utili a completare un puzzle.
Sono arrivati colpi a sorpresa, perché Lautaro sembra ogni giorno più promettente! E sono arrivati perfino i colpi eclatanti, perché Nainggolan è un top player, Asamoah un vincente d’esperienza e Keita Balde non è uno qualunque.

L’estate, la torrida estate nerazzurra è tornata!

E allora su, dai, rinvigorite l’entusiasmo!

Ci sarà pure qualche nuvola in cielo, ma l’Inter ribadisce: “a riveder le stelle” e se guardate in campo, la promessa è già stata mantenuta.

E ora la parola al campionato, sperando che le grandi speranze non diventino illusioni.

About the Author

Toti
Calcisticamente onnivoro. Nato nell’82 di Rossi e Tardelli, forse per questo innamorato del calcio e delle imprese apparentemente impossibili. Infermiere quando devo, papà a tempo pieno e difensore alla Materazzi quando il menisco regge. Ho subito una lobotomia, per scordarmi di Pancev, Gresko, Vampeta, Gilberto, Centofanti.... ma qualcosa è andato storto, perché li ricordo ancora!